Diferenças entre edições de "A Divina Comédia (Xavier Pinheiro)/grafia atualizada/Inferno/I"

sem resumo de edição
Segui pela deserta falda avante;<br/>
Mais baixo sendo o pé firme no passo.<br/>
 
 
Eis da subida quase ao mesmo instante<br/>
Que atrás por vezes eu tornar quisera.<br/>
 
<No céu a aurora já resplandecia,<br/>
Subia o sol, dos astros rodeado,<br/>
Seus sócios, quando o Amor divino um dia<br/>
Se acaso o tempo de perder lhe chega,<br/>
Rebenta em pranto e triste se excrucia,<br/>
 
 
A fera assim me fez, que não sossega;<br/>
— “Tem compaixão de mim” — bradei transido — <br/>
“Quem quer que sejas, sombra ou homem certo!”<br/>
 
 
“Homem não sou” tornou-me — “mas hei sido,<br/>
 
“— Oh! Virgílio, tu és aquela fonte<br/>
Donde em rio caudal brota a eloqüência?”><br/>
Falei, curvando vergonhoso a fronte. —<br/>
 
Por esse Deus, que nunca hás conhecido,<br/>
Porque este e maior mal de mim se arrede.<br/>
 
 
“Que, até onde disseste conduzido,<br/>
si volse a retro a rimirar lo passo<br/>
che non lasciò già mai persona viva.<br/>
<!--
<li>Poi ch'ei posato un poco il corpo lasso,<br/>
ripresi via per la piaggia diserta,<br/>
si` che 'l pie` fermo sempre era 'l piu` basso.</li>
 
<li>EdPoi ecco,ch'ei quasiposato alun cominciarpoco deil l'ertacorpo lasso,<br/>
ripresi via unaper lonzala leggerapiaggia e presta moltodiserta,<br/>
che di'l pelpiè macolatofermo sempre era coverta;'l più basso.<br/li>
 
Ed ecco, quasi al cominciar de l'erta,<br/>
una lonza leggera e presta molto,<br/>
che di pel macolato era coverta;<br/>
 
<li>e non mi si partia dinanzi al volto,<br/>
anzi 'mpediva tanto il mio cammino,<br/>
ch'i' fui per ritornar piu` volte volto.<br/li>
 
<li>Temp'era dal principio del mattino,<br/>
e 'l sol montava 'n su` con quelle stelle<br/>
ch'eran con lui quando l'amor divino<br/li>
 
<li>mosse di prima quelle cose belle;<br/>
si` ch'a bene sperar m'era cagione<br/>
di quella fiera a la gaetta pelle<br/li>
 
<li>l'ora del tempo e la dolce stagione;<br/>
ma non si` che paura non mi desse<br/>
la vista che m'apparve d'un leone.<br/li>
 
<li>Questi parea che contra me venisse<br/>
con la test'alta e con rabbiosa fame,<br/>
si` che parea che l'aere ne tremesse.<br/li>
 
<li>Ed una lupa, che di tutte brame<br/>
sembiava carca ne la sua magrezza,<br/>
e molte genti fe' gia`già viver grame,<br/li>
 
<li>questa mi porse tanto di gravezza<br/>
con la paura ch'uscia di sua vista,<br/>
ch'io perdei la speranza de l'altezza.<br/li>
 
<li>E qual e`è quei che volontieri acquista,<br/>
e giugne 'l tempo che perder lo face,<br/>
che 'n tutt'i suoi pensier piange e s'attrista;<br/li>
 
<li>tal mi fece la bestia sanza pace,<br/>
che, venendomi 'ncontro, a poco a poco<br/>
mi ripigneva la` dove 'l sol tace.<br/li>
 
<li>Mentre ch'i' rovinava in basso loco,<br/>
dinanzi a li occhi mi si fu offerto<br/>
chi per lungo silenzio parea fioco.<br/li>
 
<li>Quando vidi costui nel gran diserto,<br/>
<<Miserere di me>>, gridai a lui,<br/>
<<qual che tu sii, od ombra od omo certo!>>.<br/li>
 
<li>Rispuosemi: <<Non omo, omo gia`già fui,<br/>
e li parenti miei furon lombardi,<br/>
mantoani per patria ambedui.<br/li>
 
<li>Nacqui sub Iulio, ancor che fosse tardi,<br/>
e vissi a Roma sotto 'l buono Augusto<br/>
nel tempo de li dei falsi e bugiardi.<br/li>
 
<li>Poeta fui, e cantai di quel giusto<br/>
figliuol d'Anchise che venne di Troia,<br/>
poi che 'l superbo Ilion fu combusto.<br/li>
 
<li>Ma tu perche'perchè ritorni a tanta noia?<br/>
perche'perchè non sali il dilettoso monte<br/>
ch'e`è principio e cagion di tutta gioia?>>.<br/li>
 
<li><<Or se' tu quel Virgilio e quella fonte<br/>
che spandi di parlar si` largo fiume?>>,<br/>
rispuos'io lui con vergognosa fronte.<br/li>
 
<li><<O de li altri poeti onore e lume<br/>
vagliami 'l lungo studio e 'l grande amore<br/>
che m'ha fatto cercar lo tuo volume.<br/li>
 
<li>Tu se' lo mio maestro e 'l mio autore;<br/>
tu se' solo colui da cu' io tolsi<br/>
lo bello stilo che m'ha fatto onore.<br/li>
 
<li>Vedi la bestia per cu' io mi volsi:<br/>
aiutami da lei, famoso saggio,<br/>
ch'ella mi fa tremar le vene e i polsi>>.<br/li>
 
<li><<A te convien tenere altro viaggio>>,<br/>
rispuose poi che lagrimar mi vide,<br/>
<<se vuo'vuò campar d'esto loco selvaggio:<br/li>
 
<li>che'chè questa bestia, per la qual tu gride,<br/>
non lascia altrui passar per la sua via,<br/>
ma tanto lo 'mpedisce che l'uccide;<br/li>
 
<li>e ha natura si` malvagia e ria,<br/>
che mai non empie la bramosa voglia,<br/>
e dopo 'l pasto ha piu`più fame che pria.<br/li>
 
<li>Molti son li animali a cui s'ammoglia,<br/>
e piu`più saranno ancora, infin che 'l veltro<br/>
verra`verrà, che la fara`farà morir con doglia.<br/li>
 
<li>Questi non cibera`ciberà terra ne' peltro,<br/>
ma sapienza, amore e virtute,<br/>
e sua nazion sara`sarà tra feltro e feltro.<br/li>
 
<li>Di quella umile Italia fia salute<br/>
per cui mori`morì la vergine Cammilla,<br/>
Eurialo e Turno e Niso di ferute.<br/li>
 
<li>Questi la caccera`caccerà per ogne villa,<br/>
fin che l'avra`avrà rimessa ne lo 'nferno,<br/>
la` onde 'nvidia prima dipartilla.<br/li>
 
<li>Ond'io per lo tuo me' penso e discerno<br/>
che tu mi segui, e io saro`sarò tua guida,<br/>
e trarrotti di qui per loco etterno,<br/li>
 
<li>ove udirai le disperate strida,<br/>
vedrai li antichi spiriti dolenti,<br/>
ch'a la seconda morte ciascun grida;<br/li>
 
<li>e vederai color che son contenti<br/>
nel foco, perche'perchè speran di venire<br/>
quando che sia a le beate genti.<br/li>
 
<li>A le quai poi se tu vorrai salire,<br/>
anima fia a cio`ciò piu`più di me degna:<br/>
con lei ti lascero`lascerò nel mio partire;<br/li>
 
<li>che'chè quello imperador che la` su` regna,<br/>
perch'i' fu' ribellante a la sua legge,<br/>
non vuol che 'n sua citta`città per me si vegna.<br/li>
 
<li>In tutte parti impera e quivi regge<br/>
quivi e`è la sua citta`città e l'alto seggio:<br/>
oh felice colui cu' ivi elegge!>>.<br/li>
 
<li>E io a lui: <<Poeta, io ti richeggio<br/>
per quello Dio che tu non conoscesti,<br/>
accio`acciò ch'io fugga questo male e peggio,<br/li>
 
<li>che tu mi meni la` dov'or dicesti,<br/>
si` ch'io veggia la porta di san Pietro<br/>
e color cui tu fai cotanto mesti>>.<br/li>
 
<li>Allor si mosse, e io li tenni dietro.<br/li>
|}
{| width="100%" |
|
| [[A Divina Comédia|Índice]]
| [[Dante_-_Goettliche_Komoedie|Inhaltsverzeichnis]]
| [[A Divina Comédia: Inferno Canto 2|Canto 2]]
| [[Dante_-_Goettliche_Komoedie:Hoelle_2.Gesang|Nächster Gesang]]
|}
-->
19

edições