A Divina Comédia (Xavier Pinheiro)/grafia atualizada/Inferno/IV: diferenças entre revisões

sem resumo de edição
[edição não verificada][edição não verificada]
Sem resumo de edição
Sem resumo de edição
 
| valign="top"|<ul>
Ruppemi l'alto sonno ne la testa<br/>
un greve truono, sì ch'io mi riscossi<br/>
come persona ch'è per forza desta;<br/>
 
e l'occhio riposato intorno mossi,<br/>
dritto levato, e fiso riguardai<br/>
per conoscer lo loco dov' io fossi.<br/>
 
Vero è che 'n su la proda mi trovai<br/>
de la valle d'abisso dolorosa<br/>
che 'ntrono accoglie d'infiniti guai.<br/>
 
Oscura e profonda era e nebulosa<br/>
tanto che, per ficcar lo viso a fondo,<br/>
io non vi discernea alcuna cosa.<br/>
 
«Or discendiam qua giù nel cieco mondo»,<br/>
cominciò il poeta tutto smorto.<br/>
«Io sarò primo, e tu sarai secondo».<br/>
 
E io, che del color mi fui accorto,<br/>
dissi: «Come verrò, se tu paventi<br/>
che suoli al mio dubbiare esser conforto?».<br/>
 
Ed elli a me: «L'angoscia de le genti<br/>
che son qua giù, nel viso mi dipigne<br/>
quella pietà che tu per tema senti.<br/>
 
Andiam, ché la via lunga ne sospigne».<br/>
Così si mise e così mi fé intrare<br/>
nel primo cerchio che l'abisso cigne.<br/>
 
Quivi, secondo che per ascoltare,<br/>
non avea pianto mai che di sospiri<br/>
che l'aura etterna facevan tremare;<br/>
 
ciò avvenia di duol sanza martìri,<br/>
ch'avean le turbe, ch'eran molte e grandi,<br/>
d'infanti e di femmine e di viri.<br/>
 
Lo buon maestro a me: «Tu non dimandi<br/>
che spiriti son questi che tu vedi?<br/>
Or vo' che sappi, innanzi che più andi,<br/>
 
ch'ei non peccaro; e s'elli hanno mercedi,<br/>
non basta, perché non ebber battesmo,<br/>
ch'è porta de la fede che tu credi;<br/>
 
e s'e' furon dinanzi al cristianesmo,<br/>
non adorar debitamente a Dio:<br/>
e di questi cotai son io medesmo.<br/>
 
Per tai difetti, non per altro rio,<br/>
semo perduti, e sol di tanto offesi<br/>
che sanza speme vivemo in disio».<br/>
 
Gran duol mi prese al cor quando lo 'ntesi,<br/>
però che gente di molto valore<br/>
conobbi che 'n quel limbo eran sospesi.<br/>
 
«Dimmi, maestro mio, dimmi, segnore»,<br/>
comincia' io per volere esser certo<br/>
di quella fede che vince ogne errore:<br/>
 
«uscicci mai alcuno, o per suo merto<br/>
o per altrui, che poi fosse beato?».<br/>
E quei che 'ntese il mio parlar coverto,<br/>
 
rispuose: «Io era nuovo in questo stato,<br/>
quando ci vidi venire un possente,<br/>
con segno di vittoria coronato.<br/>
 
Trasseci l'ombra del primo parente,<br/>
d'Abèl suo figlio e quella di Noè,<br/>
di Moïsè legista e ubidente;<br/>
 
Abraàm patrïarca e Davìd re,<br/>
Israèl con lo padre e co' suoi nati<br/>
e con Rachele, per cui tanto fé,<br/>
 
e altri molti, e feceli beati.<br/>
E vo' che sappi che, dinanzi ad essi,<br/>
spiriti umani non eran salvati».<br/>
 
Non lasciavam l'andar perch' ei dicessi,<br/>
ma passavam la selva tuttavia,<br/>
la selva, dico, di spiriti spessi.<br/>
 
Non era lunga ancor la nostra via<br/>
di qua dal sonno, quand' io vidi un foco<br/>
ch'emisperio di tenebre vincia.<br/>
 
Di lungi n'eravamo ancora un poco,<br/>
ma non sì ch'io non discernessi in parte<br/>
ch'orrevol gente possedea quel loco.<br/>
 
«O tu ch'onori scïenzïa e arte,<br/>
questi chi son c'hanno cotanta onranza,<br/>
che dal modo de li altri li diparte?».<br/>
 
E quelli a me: «L'onrata nominanza<br/>
che di lor suona sù ne la tua vita,<br/>
grazïa acquista in ciel che sì li avanza».<br/>
 
Intanto voce fu per me udita:<br/>
«Onorate l'altissimo poeta;<br/>
l'ombra sua torna, ch'era dipartita».<br/>
 
Poi che la voce fu restata e queta,<br/>
vidi quattro grand' ombre a noi venire:<br/>
sembianz' avevan né trista né lieta.<br/>
 
Lo buon maestro cominciò a dire:<br/>
«Mira colui con quella spada in mano,<br/>
che vien dinanzi ai tre sì come sire:<br/>
 
quelli è Omero poeta sovrano;<br/>
l'altro è Orazio satiro che vene;<br/>
Ovidio è 'l terzo, e l'ultimo Lucano.<br/>
 
Però che ciascun meco si convene<br/>
nel nome che sonò la voce sola,<br/>
fannomi onore, e di ciò fanno bene».<br/>
 
Così vid' i' adunar la bella scola<br/>
di quel segnor de l'altissimo canto<br/>
che sovra li altri com' aquila vola.<br/>
 
Da ch'ebber ragionato insieme alquanto,<br/>
volsersi a me con salutevol cenno,<br/>
e 'l mio maestro sorrise di tanto;<br/>
 
e più d'onore ancora assai mi fenno,<br/>
ch'e' sì mi fecer de la loro schiera,<br/>
sì ch'io fui sesto tra cotanto senno.<br/>
 
Così andammo infino a la lumera,<br/>
parlando cose che 'l tacere è bello,<br/>
sì com' era 'l parlar colà dov' era.<br/>
 
Venimmo al piè d'un nobile castello,<br/>
sette volte cerchiato d'alte mura,<br/>
difeso intorno d'un bel fiumicello.<br/>
 
Questo passammo come terra dura;<br/>
per sette porte intrai con questi savi:<br/>
giugnemmo in prato di fresca verdura.<br/>
 
Genti v'eran con occhi tardi e gravi,<br/>
di grande autorità ne' lor sembianti:<br/>
parlavan rado, con voci soavi.<br/>
 
Traemmoci così da l'un de' canti,<br/>
in loco aperto, luminoso e alto,<br/>
sì che veder si potien tutti quanti.<br/>
 
Colà diritto, sovra 'l verde smalto,<br/>
mi fuor mostrati li spiriti magni,<br/>
che del vedere in me stesso m'essalto.<br/>
 
I' vidi Eletra con molti compagni,<br/>
tra ' quai conobbi Ettòr ed Enea,<br/>
Cesare armato con li occhi grifagni.<br/>
 
Vidi Cammilla e la Pantasilea;<br/>
da l'altra parte vidi 'l re Latino<br/>
che con Lavina sua figlia sedea.<br/>
 
Vidi quel Bruto che cacciò Tarquino,<br/>
Lucrezia, Iulia, Marzïa e Corniglia;<br/>
e solo, in parte, vidi 'l Saladino.<br/>
 
Poi ch'innalzai un poco più le ciglia,<br/>
vidi 'l maestro di color che sanno<br/>
seder tra filosofica famiglia.<br/>
 
Tutti lo miran, tutti onor li fanno:<br/>
quivi vid' ïo Socrate e Platone,<br/>
che 'nnanzi a li altri più presso li stanno;<br/>
 
Democrito che 'l mondo a caso pone,<br/>
Dïogenès, Anassagora e Tale,<br/>
Empedoclès, Eraclito e Zenone;<br/>
 
e vidi il buono accoglitor del quale,<br/>
Dïascoride dico; e vidi Orfeo,<br/>
Tulïo e Lino e Seneca morale;<br/>
 
Euclide geomètra e Tolomeo,<br/>
Ipocràte, Avicenna e Galïeno,<br/>
Averoìs, che 'l gran comento feo.<br/>
 
Io non posso ritrar di tutti a pieno,<br/>
però che sì mi caccia il lungo tema,<br/>
che molte volte al fatto il dir vien meno.<br/>
 
La sesta compagnia in due si scema:<br/>
per altra via mi mena il savio duca,<br/>
fuor de la queta, ne l'aura che trema.<br/>
 
E vegno in parte ove non è che luca.
 
|}
19

edições